Fine della conversazione in chat

mercoledì 16 marzo 2016

Ghiandola pineale esercizio di rinforzamento

Quando Stefi ha iniziato a nominare la Ghiandola Pineale (Epifisi) e mi ha chiesto di condividere
con voi questo esercizio, non sapevo di certo quanto c'é da conoscere su questo argomento.


Qui in foto vedete dove é collocata alla base del cranio.

Alzi la mano chi non ha sentito nominare almeno una volta il Terzo occhio? L'iconografia è ricca di immagini riguardanti il Terzo occhio.
Vi sarà spesso capitato di vederlo raffigurato specie nei dipinti sacri indiani.

Il terzo occhio nella cultura indiana rappresenta l'occhio dell'anima.

Immagine dal web


Il materiale che ho reperito in merito é così ampio, che  con Stefi abbiamo così deciso di approfondire l'argomento, e divideremo quindi questo post in due parti.
Andremo per gradi, così magari, anche tu che ci staii leggendo e magari non sei un addetto ai lavori, potrai trovare questo argomento interessante e affascinante.

Oggi partiamo dalla fine: un esercizio/massaggio per rinforzare le sue funzioni.

È un metodo che Stefania ha appreso da un Monaco Shaolin, e che da allora, spesso inserisce nelle sue lezioni per le sue allieve.
Una altra pratica seguita è quella effettuata con la Meditazione Trascendentale, ma è meglio farla alla presenza di una guida esperta.
Questo massaggio invece lo potrete esercitare anche da soli a casa.
Il fine è quello, come dicevo, di rinforzare le funzioni della Ghiandola Pineale, che a tutti gli effetti, è incriminata nella produzione della Melatonina, che tra le altre cose, regola la nostra veglia/sonno.
Grazie a questo massaggio si va a influire sul nostro intuito e sesto senso.

Vediamo come farlo osservando anche le foto con Stefi.

Come al solito è bene assumere una posizione che vi faccia sentire a proprio agio, e ponete attenzione alla respirazione, che deve essere sempre profonda.


Ponete le dita a pinza utilizzando solo il pollice il medio. L'indice va posto al centro, nell'incrocio tra le due sopracciglia.


A questo punto le tre dita esercitano un movimento a ventosa, andando ad aspirare la zona verso l'esterno.
Il massaggio va ripetuto lentamente per un minuto.
Quali saranno i benefici?
Intanto rallenteremo il processo degenerativo di calcificazione della Ghiandola Pineale, e nel tempo noteremo un miglioramento nella concentrazione, una maggiore resistenza fisica, una migliore veglia/sonno e meno sbalzi nell'umore.
In più, con costanza e ripetizione giornaliera, anche il nostro intuito ne trarrà beneficio.

Non vi resta che provarlo.

Vi consiglio questa lettura su come i campi elletromagnetici danneggino la ghiandola pineale qui


Se volete approfondire l'argomento di cui vi ho parlato vi consiglio questa video corso:


VAI ALLA SCHEDA TECNICA DEL DVD


Esistono poi delle piastre come questa:

Piastra energetica per rigenerare l'organismo durante la notte e stimolare il funzionamento delle ghiandole pineale, pituitaria e ipotalamo

VAI ALLA SCHEDA TECNICA PRODOTTO




E questa lettura:
I campi elettromagnetici danneggiano la Ghiandola pineale

A presto Anna e Stefi

Nessun commento:

Posta un commento